John Milton – Canzone su una mattina di Maggio

John Constable, La cattedrale di Salisbury vista dal Giardino del vescovo, 1826.

John Constable, La cattedrale di Salisbury vista dal Giardino del vescovo, 1826.

Concludo oggi le celebrazioni per il Maggio, che purtroppo non sono andate come previsto a causa di miei vari malesseri sia “spirituali” che fisici – i quali mi hanno costretto, in questi ultimi tempi, a proporvi molte meno cose di quante ne avrei voluto. Per chiudere però la fine di un mese che auguro di cuore esservi comunque stato sorridente e lieto, vorrei salutare decorosamente il Maggio con una poesia giovanile di John Milton pubblicata intorno al 1646.

SONG ON MAY MORNING – CANZONE SUL SORGERE DEL MAGGIO (1646 c.)

Now the bright morning Star, Dayes harbinger,

Ora la brillante Stella del Mattino, del Giorno annunciatrice,

Comes dancing from the East, and leads with her

Viene danzando da Oriente, e porta con sé

The Flowry May, who from her green lap throws

Maggio in Fiore, che getta dal di lei¹ verde grembo

The yellow Cowslip, and the pale Primrose.

la gialla Primula, e il pallido fiore di Primavera².

Hail bounteous May that dost inspire

Salute a te Maggio, che generosa ispiri

Mirth and youth, and warm desire,

Gioia e giovinezza, e caldo desiderio,

Woods and Groves, are of thy dressing,

Alberi e Boschi, sono il tuo abito,

Hill and Dale, doth boast thy blessing.

Collina e Valle, vantano la tua benedizione.

Thus we salute thee with our early Song,

Perciò ti salutiamo con la nostra Canzone mattutina,

And welcom thee, and wish thee long.

E ti diamo il benvenuto, e che possa tu rimanere a lungo.

E che davvero il sentimento di fioritura del Maggio possa accompagnarvi ben oltre la fine di questo mese.

Francesco ♠

¹ Milton personifica il Maggio in una donna. Per chiarirlo nella traduzione italiana, ho perciò usato “di lei” piuttosto dell’ambiguo “suo”.

² Cowslip e Primrose sono entrambe delle primule. Essendo però il nome primula coniato proprio ad indicare i primi fiori primaverili che si schiudono all’inizio della stagione, per evitare la ripetizione ho quindi per questo tradotto “fiore di Primavera”.

Nota: testo tratto da The poetical works of John Milton (Gutenberg Project), traduzione alla mano del sottoscritto.

Annunci

John Collier – Il Maggio della regina Ginevra: bianco nuziale fra riti pagani e cristiani

Immagine

John_Collier_Queen_Guinevre's_Maying

John Collier, Festa per il giorno di Maggio della regina Ginevra, 1900. Con un ritardo di cui mi scuso, prima che il Maggio finisca proseguiamo con le nostre celebrazioni primaverili. Ispirata alla vicenda arturiana, eccovi un’immagine della regina Ginevra che celebra il Primo Maggio, che ancora prima d’essere festa dei lavoratori, è stata la festa pagana per il ritorno della primavera – detta anche Calendimaggio, e legata nei paesi nordici alla notte di Valpurga. La consorte di Artù in questo momento non è solo regina di Camelot, ma è raffigurata nelle sue vesti fiorite di regina del Maggio: è simbolo, candido e tangibile agli occhi, della rinascita della Natura, e dell’inizio di un nuovo ciclo nel perpetuarsi dell’eternità. La dissoluzione del suo mondo mitico, come della stessa corte di Artù anche a causa del suo tradimento coniugale, dovranno avvenire: ma non ora, non in questo attimo e fra questi petali.

Francesco Landini – Ecco la Primavera: in questo vago tempo ogni cosa ha vaghezza

Cominciano oggi, un po’ in ritardo rispetto alle intenzioni, le mie personali celebrazioni per il mese di Maggio. Un tempo simbolico, intrecciato a petali di rose e all’amore: sia sacro, come quello che il culto cristiano riserva alla Madonna, sia profano, come risveglio di sensazioni pagane e terrene.

Iniziamo oggi con una ballata di Francesco Landini, compositore e musicista del Trecento italiano. Il testo è il migliore che ho potuto trovare in rete (lo dico per i filologi), non avendo ora sotto mano il libretto del cd dove ho la registrazione di questa musica. In ogni caso, la versione che possiedo è quella incisa dallo storico Early Music Consort, la stessa che potrete apprezzare ascoltando il brano con cui si apre il post.

La versione che invece vi propongo per seconda è del Waverly Consort (stando a ciò che è nella descrizione del brano su YouTube), e rispetto alla prima presenta un’accentuata essenzialità vocale, con una riduzione al minimo dell’intervento degli strumenti: la ballata è resa soprattutto dal calore delle voci femminili, scandite vagamente dal soffio di un tintinnio, fino ad arrivare per accumulo al finale, intregrando infine l’irruenza di strumenti e voci maschili. È il Trionfo della Primavera.

“Ecco la primavera

che ‘l cor fa rallegrare;

temp’è da ‘nnamorare

e star con lieta cera.

No’ vegiam l’aria e ‘l tempo

che pur chiama allegreza;

in questo vago tempo

ogni cosa ha vagheza.

L’erbe con gran frescheza

e fiori copron prati

e gli alberi adornati

sono in simil manera.”

Nota: se qualche grammatico ortodosso fra voi sta piangendo per quelle “z” orfane della loro compagna, ricordo che la stabilizzazione delle doppie e della grafia è qualcosa di più tardo del Trecento. 😉

Jean-François Millet – Caccia notturna agli uccelli: fuochi nella notte delle campagne

Immagine

Millet,_Jean-François_II_-_Hunting_Birds_at_Night

Jean-François Millet, Caccia notturna agli uccelli, 1874.

Una notte densa come olio avvampa fra le fiamme: i contadini corrono tra le fronde dei cespugli e degli alberi, agitando le loro torce e bastoni per frastornare i volatili assonnati, che cadono in terra. Alla luce delle vampate dei fuochi, fra il buio, rapide mani li raccolgono, catturandoli o peggio. Un’atmosfera rudimentale, atavica e senza tempo, ai margini del fantastico: un altro racconto di una vita contadina che, ancora ad Ottocento inoltrato, ha poco di differente dal medievale. Il moderno ed il contemporaneo dovranno ancora aspettare, per illuminare la notte delle campagne. Da vedere assieme a quello di cui abbiamo già parlato qui e qui.

Nota: tra l’altro, visto che finora non l’avevo detto, Van Gogh apprezzò molto proprio le raffigurazioni contadine di Millet.

Francesco ♠

Jean-François Millet – L’Angelus: tempo della Natura e tempo della religione

Immagine

MilletAngelus

Jean-François Millet, L’Angelus, 1857-9.

La luce chiara del giorno accompagna il sole ad occidente, verso il tramonto, lasciando via via spazio all’accumularsi di buio ed oscurità. Attraverso le nubi rese brune dalle ultime gocce sanguigne del sole, s’avventurano dei volatili in fuga dall’approssimarsi della notte. Tra le ombre crescenti, due figure emergono dai campi, come pure gli strumenti di una giornata di lavoro posti loro accanto. Mentre il ciclo giornaliero continua inesorabile, un uomo ed una donna se ne estraniano per qualche momento, quello necessario a recitare una preghiera. Il tempo della Natura, come il cielo al tramonto, è sullo sfondo delle loro parole, che noi non possiamo udire.

Un altro frammento del discorso che abbiamo iniziato con il precedente post – osservate infatti la calzatura dell’uomo.

Félicien Rops e il Satana contadino, Van Gogh e i braccianti: immagini dal contado e dai Paesi Bassi

RopsZizzania

Félicien Rops, Le Sataniche – Satana semina la zizzania, 1882.

Mentre qualche tempo fa scrivevo la recensione de Il diavolo probabilmente, dalla mia memoria era emersa l’immagine demoniaca con cui si apre questo post. Nel film si vociferava infatti del diavolo, più principio metafisico che “demone”, che incantava e seduceva melodiosamente le masse verso la distruzione: alla stessa maniera di quello che accade in questa raffigurazione.

Nel cuore della notte, alla spettrale luce di un plenilunio, una figura gigantesca e scheletrica attraversa non vista la città. Cappello a tesa larga, e non zoccoli da caprone ma zoccoli da contadino: perché è la metropoli il suo “campo” da coltivare ed accudire. I vicoli dei ladri e delle prostitute, le case borghesi che nascondono i loro indicibili segreti, uomini e donne che nel buio gestiscono affari non meglio precisati, e di cui forse è opportuno sapere il meno possibile. È questo il sempre fertile terreno del “vizio”, le paradossali e contradditorie mille possibilità di una città.

E su questo campo vengono dall’aria “seminate” e gettate, a grossolana parodia degli angeli, quelle che sembrerebbero essere delle succubi portatrici di zizzania, destinate a cadere in terra e a rovinare la vita delle persone. Donne, mi spiace: la figura della femmina seduttrice e che conduce alla dannazione o alla follia i piccoli uomini, nel decadentismo è una vera e propria icona pop.

An_Old_Man_Putting_Dry_Rice_on_the_Hearth_1881_Vincent_van_Gogh

Vincent Van Gogh, Anziano intorno al focolare, 1881.

Il particolare degli zoccoli di legno mi ha colpito molto, perché riconduce direttamente agli ambienti provinciali e rurali da cui proveniva Félicien Rops, artista belga apprezzato da Baudelaire e dai decadenti in generale. Gli zoccoli erano infatti la calzatura tipica per chi lavorava la terra nei Paesi Bassi, volendo comprendere con questa definizione sia l’Olanda che il Belgio. Interessante quindi che Rops raffigurando il suo Satana seminatore faccia mostra di un certo realismo figurativo, abbigliandolo come i contadini che conosceva bene, piuttosto che andare invece a cercare qualche consueta e ghirigorata immagine “diabolica”. Curioso anche che sia poi un “contadino” a seminare la perdizione per la città, come fosse una paradossale rivincita dei tempi della campagna su quelli della metropoli.

La raffigurazione di Rops è pienamente coeva ai dipinti che vedete di Vincent Van Gogh, artista olandese che ha dedicato parte dei suoi quadri alla vita rurale dei suoi conterranei. Il vecchio che vedete qui sopra indaffarato intorno al modesto focolare casalingo, indossa sempre gli stessi zoccoli di legno del Satana di Rops.

1024px-Van_Gogh_-_Potato_planters_-_KM

Vincent Van Gogh, Piantatori di patate, 1884.

E lo stesso fanno questi piantatori di patate, che paiono indossare queste calzature di legno per non affondare nel fango della terra. Ognuno è chiuso nel silenzio del suo lavoro, affaticato e chino alla mercè di un’altra giornata di lavoro. Figure che poco hanno di aggraziato, perché lavorare stanca, deforma, ingrossa le spalle e le mani. La matrice del realismo figurativo si incrocia con la personale rielaborazione di Van Gogh, che attraverso i colori e le pennellate dipinge un quadro dall’atmosfera grave e di intima solennità, celebrazione compassionevole di chi ogni stagione affronta, in un eterno ripetersi, la battaglia per la terra.

 Francesco ♠

Nota: anche Ermanno Olmi, alla lignea calzatura, ha intitolato un celebre film sulla vita dei contadini italiani del settentrione: L’albero degli zoccoli (1978).

Placebo – Pure morning: diapositive di un dramma (?)

Buongiorno, è di nuovo Lunedì. Per alcuni un vero dramma, quando si ripetono sempre le stesse cose.

Nessuna evasione, davanti a noi i segni scavati da tutte le volte che abbiamo fatto la stessa strada e gli stessi errori.

Ma davvero dovremmo essere destinati a cadere al suolo ogni volta? In fin dei conti, chi l’ha detto? Immaginazione e speranza spesso scavano inaspettate vie di fuga. Forse non se ne esce illesi, ma ci si diverte di più.

Per iniziare una nuova settimana, il vecchio ricordo di una canzone di circa dieci anni fa. Ed accompagnata da uno dei migliori video musicali che abbia finora visto. La situazione è costruita tramite un accavallarsi in crescendo di persone, e quindi di stati emotivi: la storia è raccontata dai volti, tutti di fronte alla terribile attesa di un suicida.

In un incrociarsi di prospettive e vite diverse che condividono però lo stesso tempo, i momenti e le azioni, come la stessa vita, si scompongono e dilatano. Sotto un cielo plumbeo, in una metropoli catturata da una fotografia grigio-acciaio, quello che apparirebbe essere l’estremo gesto di una persona accomuna altri individui, per qualche istante, prima che tutto torni nell’indifferenza del quotidiano.

La disperata rincorsa di un poliziotto, scosso e dalla barba incolta, scandisce i tempi del dramma. Poi, l’inaudito e l’irreale.

Forse c’è speranza per tutti, allo stesso modo di come la troviamo, per qualche frangente, negli occhi di chi liberamente ci ama.

Francesco ♠