Esclusivo: dalle migliori discoteche medievali di Norimberga, la Danza Macabra!

Illustrazione dalla cronaca di Norimberga (1493).

Illustrazione dalla cronaca di Norimberga (1493).

No, non sono follemente impazzito. Almeno non più del solito.

Con questa immagine inauguriamo una serie di post dedicati all’allegoria della danse macabre (danza macabra).

Gli scheletri dei morti si alzano dalle tombe per coinvolgere nella loro danza i vivi e portarli con loro. Perché nessuno, né ricco né persona di prestigio, infatti può contrastare il suo momento. Ricchezza e potere sono strumenti vani nel confronto con la Morte: nessuna cosa di questo mondo varrà a proteggerci nell’ora fatale, perché la mietitrice è indifferente ad ogni corruzione e coglie indiscriminatamente chi vuole.

Certo, messa così sembra una mazzata all’inguine. Ma in realtà il significato dell’allegoria può essere considerato positivamente: se ogni ricchezza o prestigio che accumuliamo su questa terra non è altro che un omaggio alla nostra vanità, che cosa rimane? Chi crede può rispondere “l’anima”, e non avrebbe torto, essendo questo appunto un significato spirituale e anche cristiano della danza macabra.

Più secolarmente, però, se c’è qualcosa di invisibile che oltrepassa ciò che nella vita possiamo toccare con mano, sono i memorabili affetti e sentimenti di cui possiamo essere capaci una volta accettato il fatto che, se agiamo, non lo facciamo per interessi materiali: ma per dare qualcosa di noi stessi agli altri.

In ogni caso, proporvi la danse macabre serve, coraggiosi lettori, a prepararvi spiritualmente alla recensione del film che sto per pubblicare a breve – che è poi è lo stesso per cui ero arrivato a parlare delle cattedrali di Monet.

Francesco ♠

Nota: l’essere uguali davanti alla morte, è anche il concetto della livella di Totò. Per dire.

Recensione: Lukas – Deathropolis

LukasDeathropolis

La bella copertina di Lukas n.1 (Marzo 2014). Mi ricorda quella di un fumetto francese, ma non rimembro quale. Ovviamente tutti i diritti sono della Bonelli.

“Quella era una città spietata.

I Ridestati, riemersi dalle tombe affamati di carne umana, la chiamavano Deathropolis – la città della morte – perché, all’insaputa dei comuni mortali, la governavano.

Finché non arrivò un Ridestato diverso da tutti gli altri…”

Così inizia Lukas, la nuova serie della Bonelli che, come scrive proprio Davide Bonelli nell’introduzione all’albo, è fra le ultime approvate personalmente dal compianto Sergio. Alla creazione del personaggio, come alla sceneggiatura e ai disegni di questo primo numero, troviamo Michele Medda (Nathan Never, Dylan Dog) e Michele Benevento (Caravan).

Per parlarvi di questo fumetto non voglio iniziare dal personaggio protagonista, ma dall’ambiente in cui è calato come un angelo caduto. I disegni di Benevento delineano magistralmente gli spazi e le dimensioni di una città ipermetropolitana, definita da luoghi anonimi e alieni nella loro paradossale familiarità.

Una metropoli che per gran parte dell’albo è vista e vissuta di sera, immersa in un continuo chiaroscuro. Placida è la notte, come l’ombra della morte sulla vita della stessa umanità: la città di Lukas, assieme alle persone che la abitano, sembra addormentata dalle sue dipendenze e droghe in un sonno letale, in un clima di gelido torpore. Come se ogni luce della metropoli fosse stata risucchiata da un buco nero.

E l’avventura di Lukas è finora un notturno moderno, contaminato da spunti noir. Lui è un Ridestato, un uomo tornato dalla morte, o che la morte non ha voluto. Sulla sua natura ancora non sappiamo granché, e possiamo intuire che il graduale disvelamento della sua identità sarà un asse portante della serie. Da quello che leggiamo nell’incipit dell’albo, e dagli eventi che seguiranno, sappiamo pure che non è il solo a vivere la sua condizione di non morto.

Ce ne sono altri, e che gli danno per qualche ragione la caccia. Ma lui è diverso. Non ricorda niente di sé ed è sconosciuto a se stesso, ma sa ancora ciò che è giusto e ciò che sbagliato.

Caduto in questo inferno metropolitano, partirà da zero, come un qualsiasi immigrato o clandestino. L’Avventura di Lukas, scritta con quella A maiuscola che come orgogliosamente ribadisce Davide Bonelli è cara alla Bonelli, inizia proprio fra gli ultimi, rappresentati senza pietismo. Nella città terribile non c’è spazio per certe indulgenze.

Gli ultimi sono quindi pezzi di carne, braccia, organi, pronti ad essere sfruttati in ogni loro singolo elemento come oscuro combustibile di una società abnorme. Vite senza valore, senza dignità, fra cui partirà la non vita di Lukas. Lavorerà con loro, e per quel poco che potrà combatterà per loro.

Sebbene seguano l’incasellatura della tavola classica, le scene d’azione sono abbastanza potenti e drammatiche, e ben distribuite. Il disegno di Benevento, come già detto, restituisce eccellentemente un ambiente tetro e fortemente chiaroscurale. Si rimpiange ogni tanto che le vignette siano così piccole. Per gli amanti del truculento, non mancano inoltre alcuni dettagli sanguinolenti. Ma un vero tocco di stile è il ripetersi continuo di cartelloni pubblicitari inneggianti alla vita e all’allegria, un contrappunto di falsità e menzogna alla buia metropoli.

Giudicare la sceneggiatura è invece un compito più arduo: non essendo Lukas una serie ad episodi autoconclusivi, le incognite sono ancora molte. In ogni caso la sceneggiatura di quest’albo è ottima, quindi speriamo bene per gli altri episodi – che per inciso dovrebbero essere 12 per ognuna della due “stagioni” previste. Mi ha colpito uno dei colpi di scena finali, dove Lukas dovrà adoperare una violenta e doverosa pietà verso un altro Ridestato.

Le sensazioni e i dolori della vita potranno essere solo distanti ricordi, ma questo non è importante. È nel confronto con una città oscura che non possiede, che è lì e che lo aspetta immobile, che Lukas sa quasi istintivamente ciò che deve fare: qualcosa di giusto. Non importa ciò che non ricorda di sé, perché forse è proprio questo minimo etico che fa sentire una persona unita a se stessa, e che è sufficiente per vivere. O a non vivere.

In numeri: 7/10. Non di più perché al primo numero il rischio di sputtanarsi è alto. In ogni caso mi sento di consigliare ad ogni dylaniato di darci un’occhiata. 94 pp., € 3,30

Francesco ♠

Nota: per chi fosse interessato, ecco una intervista agli autori sul sito della Bonelli.

Recensione: Dead Snow (2009)

Ah, le gite fra amici! Sapete perché i film horror che partono dalle scampagnate spesso sono palesemente irreali? Perché per farti paura ti fanno dimenticare che i veri mostri sono quelli della tua comitiva.

Dead Snow è un film del 2009 presentato al Sundance Film Festival, e come base ha per l’appunto il classico tema del weekend fra amici. Quando un film parte da uno spunto così trito, l’unica cosa che conta è che faccia bene il compitino per farci passare piacevolemente il tempo della sua durata.

E che il canovaccio sia scontato, qui lo sanno tutti. Sia gli sceneggiatori, che non a caso inseriscono all’inizio della vicenda un dialogo proprio su film come La casa e Venerdì 13; sia gli attori, la cui consapevolezza di una trama così scontata induce loro una recitazione il più delle volte divertita e ironica. Ho apprezzato molto quest’ultima cosa, perché rende la frivolezza del film molto più accettabile.

Non insisterò molto sulla trama: questi aitanti e baldi giovini arrivano in una baita fra le montagne della Norvegia. E da bravi giovani, sono del tutto all’oscuro della storia maledetta di turno: durante la Seconda guerra mondiale, da quelle parti si erano aggirati dei nazisti, fra i più cattivi sulla piazza. Sul finire della guerra però questi soldati tedeschi non avevano ripreso la strada di casa, ma avevano invece trovato la loro fine proprio fra le nevi della Norvegia. Inseguiti da una folla di civili armati di roncole e falci a cui avevano sottrato dell’oro, i nazisti presero la strada delle montagne senza che nessuno sapesse più niente di loro.

Fino ad oggi.

Dodsno

Per quanto riguarda lo sviluppo di tale trama, diciamo che la sceneggiatura fa il suo lavoro onestamente, anche se per la prima metà del film non gestisce troppo bene la tensione, facendola allentare un po’ troppo. Fortunatamente poi le cose vanno meglio, con un crescendo di situazioni fino ad arrivare ad un’esplosione di truculenza e al bel finale. Rimarco comunque che questo film è piuttosto sadico nei confronti dei protagonisti: diciamo che non vi conviene affezionarvi troppo…

Sbrigate trama e affini, alcuni dettagli del film mi sono garbati abbastanza: una terzomondista-bio-rasta che per salvarsi la vita dovrà fare una certa scelta, o uno dei protagonisti che ricambierà il morso di uno zombie mordendolo a sua volta con tanto affetto. Su tutto però trionfa, in un clima da ragnarok nordico, lo sfoggio finale di asce, motosega e martelli. E persino di una mitragliatrice pesante d’annata. Un po’ più interdetto sono rimasto invece su una scena di sesso in una latrina di legno, che visto i protagonisti però la farà amare dai nerd segaioli in attesa della (S)volta buona.

Da un punto di vista tecnico, le scene di azione e lotta del film sono fatte per bene, e chi ama lo splatter (io non sono fra questi) credo che apprezzerà le molte interiora gettate al vento. Per quanto riguarda la colonna sonora, è un “classico” metal-noise-lofi che non mi ha esaltato molto. Anzi, per nulla.

Eppure, nonostante tutto ciò che ha di buono, il film non mi convince del tutto. È come se fosse indeciso se stare o dalla parte della commedia (Shawn of the Dead), o da quella classica del survival horror. Da un canto non ci sono abbastanza situazioni comiche, dall’altro manca una vera e propria tensione drammatica. Quindi rimane un film a metà, che però dispone di una buona fotografia e di un bell’assortimento di effetti granguignoleschi.

Questo film non è quindi un capolavoro del genere, ma se avete una vera e propria passione per gli zombie e lo splatter, tutto sommato non resterete delusi. Se però non fate parte di tale categoria di aficionados malati di mente, non credo che sentirete il peso di non vederlo.

Per finire, un aneddoto: l’ufficiale non-morto che guida la sua malefica truppa, è il colonnello Herzog. Che zio Werner abbia pietà di chi ha fatto questo film. Anche perché io avrei più paura di lui che degli zombie.

In numeri: 5½/10, 6 se siete fan del genere.

Francesco ♠